Passa ai contenuti principali

WORLD DUCATI WEEK 2014: ROSSA BATTE BIONDA...

Se mi chiedi la prima cosa che mi viene in mente se dici rosso è: il rossetto di Chanel...Piatta, senza indugi.

La seconda? Le unghie lunghe e laccate degli anni'70.

La terza? Dopo questo w/e sicuramente Ducati, anzi World Ducati Week.

L'antipasto è stato l'arrivo in hotel. All'ingresso del Casali una grande vela rossa recita: WDW2014. Mi guardo attorno è mi accorgo che tutta Misano batte bandiera Ducati, una pennellata di colore che ha fatto vibrare tutto il lungomare, che ha fatto eco per chilometri senza mai disturbare. Nell'aria l'estate e il brio delle feste dei 15 anni, della prima vacanza da soli.


Nulla però a confronto del Misano World Circuit vestito per l'appuntamento speciale, quello con la donna che ti fa battere il cuore e non solo gli ormoni. L'effetto è stato: "Coi jeans e la maglietta sei bella, ma coi tacchi e il vestito mi togli il fiato". (Per non dire: Sei una phiga imperiale). 

Immaginate 65.000 persone a vestire l'asfalto del circuito. Un tailor made cucito sapientemente e tagliato a pelle. Una creazione da passerella, di alta moda. Pensata per stupire e lasciare il segno nella storia.
La celebrazione di un'icona senza tempo, della passione che brucia dentro, del #siamounacosasola. Cito il post dell'amico Federico Maffioli di Automoto Tv: "Il bello? Qui puoi arrivare anche da solo, di sicuro torni a casa con un sacco di nuovi amici! #passionecheunisce #GrandeFamiglia". Una grande famiglia capace di accogliere, con qualche lamentela, anche qualche "infiltrato": "Mò D...bò. come ti viene in mente di entrare ne zircuito con una cavasachi?!!" ha recitato colorito un Tritone della romagna old school.

Lo spettacolo è stato grande, il Luna Park dei ducatisti: show, stuntman,road test, Campioni delle due ruote. Non è mancata nemmeno la grande festa in spiaggia e la sbirciatina alla nuova Scrambler. Pensavo che avrei trovato tanti uomini e tanti zainetti. Invece con stupore e orgoglio tutto pink ho incontrato un  sacco di proprietarie, di donne che non si fanno portare, ma portano. Donne dal fascino mitologico. Wow, ecco cosa penso. WOW. 


Ma detto tra noi... Io non ho la Ducati (c'é quella di mio fratello se vale,ndr),non sono una ducatista e se non fosse capitato per lavoro probabilmente non sarei mai andata.  

Ora però, per la prima volta, mentre digito con le mie unghie rosse e mordicchio impegnata il labbro inferiore tinto di morbido rossetto color Gabrielle, mi trovo a pensare che una Rossa sia meglio di una Bionda...forse...


See u @ #worlddducatiweek 2016!

 




Blondie
 

Commenti

  1. Grande Alessia! Le emozioni del WDW sono difficili da tradurre in parole, perchè anestetizzano l'anima. Quello che hai scritto è il primo passo per diventare Ducatista: l'essenza della pura passione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WOW anzi WDWAO! Detto da un esperto è una grande lusinga. Ci vediamo da te in concessionaria a Monza. KK

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…