Passa ai contenuti principali

IL GIOCO DELL'ESTATE: #MOTORIMORCHIO IN AUTOSTRADA

La formula semplice: 4 amiche + Riccione + gara motociclistica + biondite acuta = abbiamo trovato il gioco dell'estate. Il MOTORIMORCHIO in autostrada.
La giornata ha preso la giusta piega sul Misano World Circuit per la seconda tappa italiana di SBK, ma il rientro a Milano ha l'aria di essere lungo e faticoso. Vediamo l'inizio della coda, ma non la sua fine (che nemmeno il trenino dell'ultimo dell'anno). 

La formazione ci vede così posizionate:
- alla guida: The Italian Job alias non mi ferma nessuno, mai
- navigatore: Miss Hit-ech alias nel mio telefonino ho tutta la mia vita, colonna sonora compresa
- sul sedile posteriore sulla dx: La Traviata alias dimmi con chi vai e ti dirò chi sei (trenquilli è con noi..).
- sul sedile a sx... Rimango io alias il Biondo è sempre un'ottima scusa

Denominatore comune: ognuna di noi ha un motivo per avercela con uomo estistente o esistito...
 
Stoniamo, massacriamo e alteriamo, miagolanti, i classici degli ultimi 30 anni e più della storia della musica. Ed è su Self Control che scatta l'idea del Motorimorchio...

Prima di tutto selezionare l'autovettura: in base alle sue caratteristiche tecniche si può capire se sia uno sborone, se fa solo finta di capirne di auto o, in base ad adesivi o seggiolini, il suo status sociale. La segmentazione di mercato si fa ancora più difficile cercando di far combaciare i gusti di tutte e quattro...

Dopo diversi avvistamenti, un tentato abbordaggio da un simpatico gruppo di bolognesi con fede e tanto di inseguimento chilometrico per stamparci poi sul vetro il numero di telefono, sembra che la fortuna sia altrove. Precisamente davanti a noi in un grossa Range Rover. La silhouette in controluce fa  ben sperare... Con agilità di una pantera The Italian Job dribla il traffico, e affianca il nostro Principe Azzurro... suspance... Ci guardiamo prima di tuffare la nostra curiosità nel lunotto.
 
OMG!!!!! che sola! Se gli facciamo lo sconto avrà l'etá dello zio d'America! Ridiamo, ma con l'amaro in bocca...

Tutto sembra perduto quando Miss Hit-ech dice fugace "LUI!", indicando un furgincino Mercedes. La Traviata ed io lo scannerizziamo alla Robocop: "Molto bene, benissimo!".
Parte il concilio. Bello, ma ha un furgincino... Però della Mercedes... Begli occhiali verde fluo su sorriso Durbans. Si merita una possibilità. Sicuramente trasporta qualcosa di prezioso.
La caccia è cominciata!
Superando diligentemente a sx ci mettiamo in formazione paparazzo: tutto il lato dx è pronto a scattargli una foto...click, clik, clik. Preso da tutti i lati. Il risultato è fenomenale: da sexy a faccia da triglia. Sulla sua fronte lampeggia "NON -E' - P-O-S-S-I-B-I-L-E", il telefono quasi gli cade di mano, la lingua cede.
Pronte a giocare!

Miss Hit-ech cambia appropriatamente colonna sonora: Vamos a bailar!
Noi scoppiamo a ridere, a ridere... che nemmeno una sessione di addominali con il personal trainer sarebbe servita tanto.

Il ragazzo azzarda l'inseguimento e ci risupera per controllare se fosse stato un abbaglio, un colpo di caldo. La fortuna è dalla sua. Noi gli sorridiamo e aprofittando della busta di una bolletta iniziamo a scrivergli messaggi e a studiare il caso umano. Sembra simpatico e non pare tirarsela.
Ci chiede da dove arriviamo. Noi spavalde gli sbattiamo sul finestrino un cumulo di super pass della SBK. Ride. E alza una coppa labbialeggiando alla moviola "M-o-t-o-c-r-o-s-s"..Il cuore si riempie di gioia pensando: è un pilota!!!!!
Chiediemo la sua direzione: Milano. O cavoli! anche noi...
Scatta il terzo cartello: Aperitivo?
Dice sì, ma come tutti gli uomini non sa prendere la palla al balzo...e si nega per la sera stessa  proponendo per il martedì successivo. Pensiamo: è un U.F.O.! Martedì gioca l'Italia. 1 a 0 per lui.
 
Ci stupisce nuovamente piazzando su un mega foglio il suo numero di telefono. (E se fossimo delle pericolosissime criminali?Anche qui gli va bene)
Lo fotografiamo e non ci resta che rispondere con un altro foglietto.



RICAPITOLIAMO. Per il #Motorimorchio in autostrada servono:

- carta
- penna
- coda in autostrada, ma va bene anche la tangenziale
- occhio di lince
- un colpo di glutei
- tanta autoironia
- Biondite, dentro e fuori

GIRLZ LA SFIDA E' APERTA! 

Blondie




Commenti

  1. Sei la miglio bionda che io conosca! Rideremo per anni su questo articolo...
    By Miss Hit-ech

    RispondiElimina
  2. Già ... Già... Già... Love u

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…

DI ONDE, ZENZERO E PISTACCHIO

Si erano conosciuti a causa delle onde. Quelle di lui arrivavano pungenti dai venti del Nord, quelle di lei da quelli caldi e insidiosi del Sud. Entrambi avevano dovuto trattenere il fiato e trovare la forza per non rimanere sul fondo e tirare fuori la testa per respirare ancora.  Nonostante le onde avessero lasciato lividi profondi e ancora dolorosi, nulla impedì a entrambi di continuare ad amarle. Quello fu lo spunto della loro prima conversazione, che però risultò scarna di parole nonostante l’incontro fosse stato organizzato da mercanti di sogni per parlare di commercio, di seta e di conquiste.  Era estate, e si sa, di onde sarebbe stato meglio parlarne con l’arrivo della stagione fredda. Si salutarono con la promessa di vedersi al ritorno dei loro viaggi. 
Un giorno qualsiasi, ad un’ora qualsiasi di un pomeriggio di caldo arrivò un messaggio che parlava di punk. Asia, il cui nome era stato scelto da una madre che aveva sognato di perdersi tra le spezie e la meditazione, rimase sorpre…