Passa ai contenuti principali

FUMATA ROSA: HABEMUS NEW BLONDE BIKER - LA PATENTE E UNA BIONDA Vol.6

"Aiutati che il  ciel ti aiuta".  
Non mi pare.
Ore 6.00 fuori diluvia. Il che non sarebbe un problema se potessi rimanere a gongolare sotto le coperte, ma lo diventa nel momento in cui il calendario segna:

"ESAME PATENTE MOTO".

La prima domanda è come mi vesto?
Essenziali i portafortuna: la T-shirt il casco in glitterato...delle girlz, il braccialetto di MIA's, quello di UNOde50. Le cose essenziali le ho.
Ops... ricordiamoci la sicurezza: giacca e guanti con le protezioni  Dainese. Ora ho proprio tutto. Paura di toppare compresa.


La pioggia non è l'unica minaccia alla mia rosea patente: la tangenziale è bloccata e io sono ovviamente in ritardo.Inserisco la modalità di guida Colin McRae e facendo finta di non sapere come, arrivo in autoscuola: "Bionda muoviti!". Mi unisco al gruppo, un manipolo di baldi ragazzi che sembrano saperla lunga. Intanto la pioggia ha dichiarato una tregua.


Il piazzale della Motorizzazione sembra più grande del solito e io mi sento più impacciata che mai. Intorno a me solo uomini. Grandi uomini simili a cavalieri pronti alla battaglia, con le spalle grosse definite dalle protezioni e le moto scintillanti (forse appena ritirate dalla concessionaria). Sono a disagio  perchè leggo nei loro occhi e nelle loro menti: "Un'altra di quelle che vuole fare la motociclista, ma dove vuole andare? Sarebbe un altro pericolo sulla strada, già non sanno guidare la macchina. Meglio che faccia la Barbie".

Anche io avrei una domanda: "Non era il caso di fare il fenomeno solo dopo aver  preso in mano la patente? Se se qui oggi, in questo momento, a quest'ora vuol dire che sei uguale a me con la sola differenza che se mi bocciano io non mi mangerò le mani perchè ho la moto in garage. Gne, gne, gne".

Come ciliegina sulla torta Roberto mi fa ripetere a voce alta la teoria base. La prendo sul ridere e indico beata il testimone con l'unighia pittata di smalto fresco, come anche la spia dell'olio, del liquido dei freni, ecc. Ora una cosa l'abbiamo dimostrata: le donne studiano e io sono la prima della classe, nonchè l'unica.

Trovo una spalla nei miei compagni di avventura, che non negano i loro timori, e iniziano a fare squadra. In poco tempo siamo diventati un piccolo team pronto a sorreggersi l'un l'altra: il primo sinonimo di due ruote!

Il nostro esaminatore sembra uscito da Full metal Jacket: ordina, intimorisce, pungola. I sospiri si intrecciano, la tensione aumenta. Iniziamo. 
 
Come agnelli sacrificali eseguiamo uno dopo l'altro il percorso in sella alla "nostra" Kawasaki, prima di me una moto che si spegne, un birillo investito (ma senza intenionalità) e qualche marcia sgranata. Mi ripeto "Bionda puoi riuscirci!". Gli errori dei miei colleghi stabilizzano i miei ormoni.
Siamo veramente tutti uguali: aspiranti biker con la paura di fallire.

Monto su, accendo (e non si spegne, WOW), driblo i birilli, inzio il 180 e sul finire mi viene anche da buttar fuori la gamba, ma la richiamo veloce come una lince a me ed è quando Roberto dice incalzante "Bionda vai, che vai bene" che tiro fuori la piccola valchiria che c'è in me e porto a termine l'esercizio. Che solievo. L'ho fatto!!!L'ho fatto!!!.
Il gruppo soprannominato "La Folgore" in onore dell'istruttore si rilassa, la complicità aumeta. Tutti speriamo nel "bonus" estate... magari saltiamo la prova su strada, anche perchè il cielo inizia a non promettere nulla di buono.

Scontato che di bonus nemmeno a parlarne. Partono i ragazzi: un senior per A3 e un cucciolo per la 125. Li aspettiamo e il tempo sembra non passare mai, "ma non scordai di certo un amore folle in un tempo piccolo". Tornano, ci guardano ma nulla si mormora. Seguono Francesco (il bravo) e Rino. Rimaniamo il cucciolo crossista e io. Il cielo si commuove e inizia a sputare piccole gocce antipatiche. Preghiamo che i futuri motociclisti tornino in fretta per non partire sotto l'acquazzone.Nada. 
Si parte sotto l'acqua. Io davanti , juniior dietro.
Ora ho veramente paura. Una delle prime cose che mi è stata ripetuta da quando ero in fasce è "attenta che l'asfalto appena bagnato è pericoloso, fa patina, si scivola". Avesssi gli attributi  darei una schisciatina. 
Una rotonda, un passante, quello che fa retro senza guardare e la pioggia che non molla e suona a un bit rave. Poi finalmente dalla radiolina un voce "Bionda accosta e fai passare". Cerco lo sguardo di Roberto. Le palpebre fanno un piccolo cenno positivo. Non oso esultare. Potrei tornare indietro ma da sorella maggiore devo seguire il piccolo. Siamo o non siamo una squadra? L'acqua aumenta, ma il ragazzo è bravo e ha voglia di tornare "dalla tipa" vincitore!

Zuppi torniamo alla base. L'attesa è lunga, infinita. Chiamati all'ordine dall'esaminatore in una saletta grigia ci sediamo in religioso silenzio. Apre la busta e dice: "Come al solito le donne sono le più diligenti e ascoltano - cardiopalma, datemi l'aspirina, ndr - ma anche le più brave alla guida! - svengo, che davero? - comunque venite tutti qui a firmare!".

La felicità e la soddisfazione travolge la stanza:fumata rosa anzi burn out!

GRUPPO LA FOLGORE: TUTTI PROMOSSI!!!! 
ORA IL SELFIE E' UN OBBLIGO!NEW BIKER ON THE ROAD!





Ora manca solo la moto...Dettaglio.

Blondie 

#blondemind  

Vedi anche: 

Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…

DI ONDE, ZENZERO E PISTACCHIO

Si erano conosciuti a causa delle onde. Quelle di lui arrivavano pungenti dai venti del Nord, quelle di lei da quelli caldi e insidiosi del Sud. Entrambi avevano dovuto trattenere il fiato e trovare la forza per non rimanere sul fondo e tirare fuori la testa per respirare ancora.  Nonostante le onde avessero lasciato lividi profondi e ancora dolorosi, nulla impedì a entrambi di continuare ad amarle. Quello fu lo spunto della loro prima conversazione, che però risultò scarna di parole nonostante l’incontro fosse stato organizzato da mercanti di sogni per parlare di commercio, di seta e di conquiste.  Era estate, e si sa, di onde sarebbe stato meglio parlarne con l’arrivo della stagione fredda. Si salutarono con la promessa di vedersi al ritorno dei loro viaggi. 
Un giorno qualsiasi, ad un’ora qualsiasi di un pomeriggio di caldo arrivò un messaggio che parlava di punk. Asia, il cui nome era stato scelto da una madre che aveva sognato di perdersi tra le spezie e la meditazione, rimase sorpre…