Passa ai contenuti principali

DO YOU LOVE VINTAGE? I LOVE I COLORI DEL BIANCO, VINTAGE SHOP

Per essere Principessa serve una Fatina e questo è un dato di fatto. Che io ami fare la Principessa è un altro dato di fatto. Ecco perché di tanto in tanto vado da I colori del bianco, mi infilo l'abito in tulle rosa da archivio e mi perdo nei racconti della mia Fatina. 
Il suo nome è Loredana Mapelli mente e cuore di un piccolo tesoro per gli amanti del vintage...


La prima volta che sono entrata ero titubante e alquanto restia a comprare "cose usate" che fossero abiti o pezzi di design. Sapete quanto rimasi dentro?
Più di tre ore e portai a casa un discreto bottino. Il segreto? La capacità di Loredana di farti apprezzare e capire il vintage. 

"Ogni pezzo attende il suo proprietario. Il fascino di questo lavoro è nel trovare il pezzo che ancora non avevi, lo pulisci, cerchi di dargli un'identità e di ricostruirne la storia" mi disse, ma quello che davverò mi colpì fu: "Le firme famose come Chanel, Balenciaga, Christian Dior, Gucci le conosciamo tutti, ma ci sono molti nomi di laboratori non così famosi che
hanno prodotto borse, abiti degni del nostro passato glorioso".

E' iniziato così il mio viaggio alla scoperta del vintage e del design d'autore. 



Loredana Mapelli - La Fatina
E già perchè la grande ricerca di Loredana non si ferma agli abiti. Da lei sono passati e passano le lampade dei fratelli Castiglioni, la libreria di Franco Albini, le poltrone della Tecno o la leggera di Gio Ponti.
Ne conoscevo la metà... Ora mentre salto da un abito all'altro ascolto Loredana che paziente  mi racconta la storia di ogni pezzo, che mi istruisce sulla provenienza, la storia e il valore delle cose. Mi perdo nelle spiegazioni di come trovi tutte queste meraviglie, della minuzia con cui le riporta a nuova vita. Ogni volta è come fare un viaggio nel passato, nella vita e nei gusti di sconosciuti  che per qualche ragione hanno un legame con te. Il gusto. Un gusto che non conosce tempo, nè proprietari.



Alcuni consigli se andrete a trovarla:

- calcolate un buon tempo da dedicarle, la fretta non è fatta per I colori del bianco;
- non aspettate che la Fatina vi faccia uscire con qualcosa che non vi rappresenti;
- se non trovate ciò che volete, ripassate!... non sono produzioni in serie.

E ora la cosa più importante, quella che mi costa di più... Darvi l'indirizzo. Ma considerato che nella vita essere egoisti non porta a nulla condivido con voi questa chicca.

Potete trovarla:

Mercatone dei Navigli: ultima domenica di ogni mese

Mercato di Piazza Diaz: sotto i portici il primo, secondo e terzo giovedì di tutti i mese

Valeggio veste il vintage: edizioni di ottobre e maggio


Per le novità on lineclicca direttamente sulla Fanpage
FB: I colori del bianco 
Blondie













Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…