Passa ai contenuti principali

BI O QUADRICILIDRICA? QUESTO E' IL PROBLEMA! LA PATENTE & UNA BIONDA VOL.6




Ancor prima di prendere la patente parenti e amici cantilenavano la stessa nenia: "Ora inizia con una bicilindrica, poi passerai a una quattro cilindri, per iniziare va bene". Per mesi ho mosso  la testa in segno di comprensione, con un volto disteso come se sapessi di cosa stessero parlando, ignorando ovviamente che esistono anche i monocilindrici e  i tre cilindri.

Stufa di vivere nell'ignoranza un pomeriggio d'estate ho interpellato mio fratello e gli ho fatto la fatidica domanda: "Qual è la differenza?".
Gli si sono spalancati gli occhi e incredulo si è accertato che non fosse un colpo di calore a farmi parlare. Seria e composta gli ho detto: "Devo capire!. Bionda sì! Ignorante no!"
L'espressione sì è fatta ancora più seria o forse era solo preoccupata, ma non mi ha detto di no e così la prima lezione di meccanica è iniziata a bordo mare per concludersi con uno Spritz davanti a un memorabile tramonto. Memorabile è stata anche la pazienza del mio "fratellino" davanti alla quantità spropositata di "perché" che la mia bocca è riuscita a pronunciare.

Cilindri, pistoni, esplosioni, iniezione, coppia. Credo si sia toccata anche un po' di botanica con l'albero motore. Un cumulo di informazioni che ho dovuto elaborare alla mia maniera. Tante forse troppe tutte in una volta,  ma è stato come iniziare a studiare il corpo umano.

Nella mia testolina la formula magica "aspirazione , compressione , scoppio , espansione e scarico" ha trovato forma e comprensione traducendo il movimento cilindro-pistone nel funzionamento del cuore. Un'immagine nella mia testa: il grande cuore della campagna pubblicitaria del centenario di
EICMA



Campagna EICMA 100 anni di passione
Perché il cuore?

E' il luogo dove nasce la passione ed esplode l'energia. Ecco cosa avviene nel cilindro. Il carburante come il sangue entra nel cilindro che grazie alla  scintilla della candela esplode creando pressione che spinge il pistone ad un movimento circolare, grazie all'albero motore, che genera l'energia che verrà scaricata dal cilindro: esattamente come il cuore che crea la pressione sufficiente a permettere la circolazione del sangue. Ed è sempre nel cuore, maledetto muscolo pensante, che nascono le nostre emozioni. È lui che ci dona la prolusione per andare avanti, raggiungere i sogni, innamorarci. È lo stesso meraviglioso muscolo che se sotto stress, se sotto tono rallenta la nostra corsa.

Ora mi direte quindi cosa cambia tra due e quattro cilindri? Da quello che ho capito oltre al numero di cilindri che lavorano è il risultato. È qui entra in campo il discorso della coppia.
Ma come cos'è la coppia!? Lo dice la parola stessa: la forza.

Come nella vita se la coppia funziona bene, di qualsiasi genere sia la sua relazione, generata forza.

Nel caso del bicilindrico il giro che fanno i pistoni per compiere il loro movimento è più  veloce ne consegue un'energia costante che risulta più attiva quando si gira la manopola del gas. Le quadricilindriche hanno "meno gas" ma raggiungono velocità più alte e questo perché il meglio arriva a giri elevati.
Facendone una metafora: il movimento del pistone batte il tempo per generare la forza della coppia. Questo battito può essere come le due fasi dell'innamoramento.
Bicilindrico: più brillante e un po' incosciente come quando hai appena conosciuto l'oggetto del tuo interesse. Si ha la propensione ad azzardare  un po' più perché la voglia di conoscere l'altra persona, l'adrenalina che si genera è più forte della logica. E il ritmo potrebbe essere pam-pam-pam.
Quadricilindrica: è quando sei proprio nella palta, il cuore batte all'impazzata e si vuole fare tutto per bene, allo stesso tempo i pensieri vanno veloci curva dopo curva  facendo voli pindarici per il futuro. Pam-pam-paaaam

Ecco come ho immaginato io la differenza tra cilindri... Sono andata fuori coppia? Io ne faccio una questione di cuore, passione e battito.

Cosa scelgo? Di pancia dico bicilindrica. Assomiglia di più alla Bionda che c'è in me: frizzante, con accelerazione e allegramente pimpante. 
Bionda e Bicilindrica iniziano tutte e due per B sia solo un caso?
 
Si accettano consigli la N°1 aspetta!
 
Blondie

Commenti

  1. Bionda e Bicilindrica iniziano tutte e due per B ........ anche BMW ( Motorrad.... ) ; 3 numero perfetto :-)

    e sul nero di una R68 la chioma bionda si fa notare ;-)

    RispondiElimina
  2. questa è una proposta allettante...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…