Passa ai contenuti principali

LA PATENTE A & UNA BIONDA - vol.1

Ogni volta che una donna, una qualsiasi donna, esprime il suo amore per i motori le bocche dei maschietti si fanno grandi e ripetono poco scherzose "Donne e motori, gioie e dolori". Figuriamoci poi se è una "biondona" a dirlo... 

Ti squadrano, sorridono e annuiscono pensando "Ahah... Che carina, ma cosa vuoi che ne sappia? Figurati se sa guidare!".
Come dargli torto? Non sono un meccanico, non sono un InSella parlante e tra l'altro non ho nemmeno la patente A... Parto quindi dalla passione, quella per l'odore di pneumatico sull'asfalto e il rombo di motore ma sopratutto dalla voglia di dimostrare che si sbagliano :-)

Mi pongo due domande base prima di intraprendere questa nuova avventura.

1) Hai l'amico motociclista che ti dice:"Ti aiuto io?"
LASCIA PERDERE! Non lo farai mai.

2) Pensi di poter fare l'autodidatta per le pratiche?
LASCIA PERDERE! Cerca l'autoscuola più vicina: fanno tutto loro e organizzano le guide che il famoso amico non ti farà mai fare)

Passo in autoscuola e mi informo. Non sembra difficile, pratica a parte. Prima di compiere il grande passo segno i punti fondamentali per cui una Bionda può diventare una biker:

- TATOO: l'ho

- COLPI DI SOLE APPENA FATTI PER LA FOTOTESSERA: l'ho

- AMICA BIONDA CON CUI CONDIVIDERE L'ESPERIENZA: l'ho

- INESPERIENZA: l'ho

- T-SHIRT STUPIDA PER L'ESAME REGALATA DALLE AMICHE: l'ho

- VOGLIA DI COMINCIARE: l'ho

- SORRISO STAMPA PER QUANDO TI DICONO CHE PUOI FARE L'A3 (patente senza limitazioni di cilindrata) PERCHE' HAI SUPERATO I 18 DA UN PO': manca?

- CASCO, PROTEZIONI, GUANTI,STIVALETTI... MOTO: mancano... ottima scusa per fare shopping!

Ci siamo! Ora basta aspettare il foglio rosa (che di altro colore non poteva essere) e si parte con la prima esperienza di guida.

N.B. controlla che i tuoi documenti d'identità non siano scaduti... 
Servono: patente, documento d'identità valido, certificato medico e fototessere.


 



Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…