lunedì 16 giugno 2014

LA PATENTE A & UNA BIONDA - vol.1

Ogni volta che una donna, una qualsiasi donna, esprime il suo amore per i motori le bocche dei maschietti si fanno grandi e ripetono poco scherzose "Donne e motori, gioie e dolori". Figuriamoci poi se è una "biondona" a dirlo... 

Ti squadrano, sorridono e annuiscono pensando "Ahah... Che carina, ma cosa vuoi che ne sappia? Figurati se sa guidare!".
Come dargli torto? Non sono un meccanico, non sono un InSella parlante e tra l'altro non ho nemmeno la patente A... Parto quindi dalla passione, quella per l'odore di pneumatico sull'asfalto e il rombo di motore ma sopratutto dalla voglia di dimostrare che si sbagliano :-)

Mi pongo due domande base prima di intraprendere questa nuova avventura.

1) Hai l'amico motociclista che ti dice:"Ti aiuto io?"
LASCIA PERDERE! Non lo farai mai.

2) Pensi di poter fare l'autodidatta per le pratiche?
LASCIA PERDERE! Cerca l'autoscuola più vicina: fanno tutto loro e organizzano le guide che il famoso amico non ti farà mai fare)

Passo in autoscuola e mi informo. Non sembra difficile, pratica a parte. Prima di compiere il grande passo segno i punti fondamentali per cui una Bionda può diventare una biker:

- TATOO: l'ho

- COLPI DI SOLE APPENA FATTI PER LA FOTOTESSERA: l'ho

- AMICA BIONDA CON CUI CONDIVIDERE L'ESPERIENZA: l'ho

- INESPERIENZA: l'ho

- T-SHIRT STUPIDA PER L'ESAME REGALATA DALLE AMICHE: l'ho

- VOGLIA DI COMINCIARE: l'ho

- SORRISO STAMPA PER QUANDO TI DICONO CHE PUOI FARE L'A3 (patente senza limitazioni di cilindrata) PERCHE' HAI SUPERATO I 18 DA UN PO': manca?

- CASCO, PROTEZIONI, GUANTI,STIVALETTI... MOTO: mancano... ottima scusa per fare shopping!

Ci siamo! Ora basta aspettare il foglio rosa (che di altro colore non poteva essere) e si parte con la prima esperienza di guida.

N.B. controlla che i tuoi documenti d'identità non siano scaduti... 
Servono: patente, documento d'identità valido, certificato medico e fototessere.


 



Nessun commento:

Posta un commento