Passa ai contenuti principali

GOMMA BUCATA, GOMMA FORTUNATA. PERCHE' TRA LE MANI DI UNA BIONDA


Gira la ruota, si, ma non per comprare una vocale. 

Stavolta sono pratica e la ruota la giro per cambiarla, dunque devo forzarla un po' perché venga via e lasci spazio all'altra, quella sana, recuperata nel bagagliaio. Hai presente quel piano sul quale metti le valigie? Ecco, lì sotto è nascosta la ruota di scorta. E questa è la lezione elementare che farebbe un uomo, avendo la certezza che una donna non conosca minimamente la propria macchina e la considerasse un indispensabile oggetto per andare da un punto A ad un punto B. Figuriamoci se LUI possa anche solo vagamente essere sfiorato dall'idea che con una LEI si possa parlare di motori.
Ed è esilarante rimanere ad ascoltarlo e poi piazzargli qua e là due frasette sul funzionamento del cambio automatico, il cruise control o il recupero dell'energia in frenata. Una folgorazione, con la mascella inferiore che non risponde al comando di ricompattarsi con l'altra.
 
Con questa premessa provate a immaginare quando gli esponenti del sesso forte hanno assistito alla scena di circa una dozzina di donne che hanno sostituito una gomma in una manciata di minuti. Il tempo che loro impiegano la mattina per farsi la barba.
Chi sono i geni della trovata e coloro che ci hanno fatto passare una serata diversa e divertente? Lo staff di Direct Line. Dove? Al Deus Café di Milano, con tanto di pop corn durante la chiacchierata iniziale, condotta da Alessandra Neri , bella come il sole, super femminile e che nella vita è pilota. Per lei punta tacco non è allenamento per la danza, ma saper dosare il gas. Per finire con un aperitivo in terrazza e cup cake ricordo.
Ma il fulcro della serata è stato proprio l'atto pratico, scandito dallo slogan e raccontato con l'hashtag #wecandoit



Perché in caso di foratura, non ho, anzi, non abbiamo bisogno di nessuno. Certo, se dovesse passarmi accanto Johnny Depp, magari chiedo aiuto.
Accosto. Metto il gilet catarifrangente, i guanti in lattice che è il caso di tenere in macchina (perché la manicure non vale una gomma bucata!) e prendo l'occorrente nel bagagliaio. Posiziono il crick sotto la macchina (c'è un punto esatto indicato!). E poi inizio a girare la manovella. Magia: la macchina lievita verso l'alto. Tolgo il copri cerchio. Svito i bulloni. E poi inizio a tirare lo pneumatico. Vi è mai capitato che si incastrassero due pentole una dentro l'altra? Ecco, il movimento è lo stesso. Pazienza e determinazione. Una volta tolta, prendo la sostituta. Riavvito i bulloni, riposiziono il copri cerchio. Abbasso il crick. Sistemo tutto nel bagagliaio, tolgo i guanti. Tolgo il gilet. Una passata di gloss sulle labbra. E via. Pronta per ripartire.
  

Grazie @directlineitalia. E' stato bello. #wecandoit vogliamo applicarlo anche a tutto il resto! 

Organizziamo presto una prova in pista???

J.B. 




Commenti

  1. ricordatevi di serrare al massimo i bulloni una volta abbassata l'auto :-D

    RispondiElimina
  2. @guido: come stringessimo i lacci del corsetto

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…