Passa ai contenuti principali

TORTA ALLE FRAGOLE CON CREMA ALLA NUTELLA



INGREDIENTI:

- preparato per pan di Spagna
- 4 uova 
- 40 cl H2O
- 1 bicchiere Nutella
- 500 gr fragole fresche
- zucchero bianco e di canna
- 2 confezioni di panna da montare
- barra cioccolato fondente

Il tempo passa, non si ferma e i compleanni si  sommano senza sconti. Ho la soluzione! Per buttare giù l'amaro boccone è ne necessario un mare di calorie fatto di panna, nutella e fragole. Una torta semplicissima da preparare, ma sicuramente al top per riempire cuore, animo e manigliotti dell'amore. 

Immagino che tanti di voi non abbiano molto tempo a disposizione, sono fondamentali quindi qualche trucco pratico e un buon robot da cucina per simulare l'aiuto chef. 
Iniziamo con la base: il pan di Spagna.
So che le amanti dei dolci avranno da obiettare, ma credo che per preparalo si possa arrivare  ad un ragionevole compromesso tra la ricetta tradizionale e quello confezionato: comprate il preparato (a cui vanno aggiunte solo le uova e un goccio d'acqua). Ha un ottimo sapore e accorcia i tempi, sopratutto se come come me vi siete trovati a preparare il dolce a mezzanotte passata, come seconda parte di una serata iniziata con un meraviglioso B-Party...

Ciccio (il mio robot) e io siamo pronti: spacco le quattro uova che finiscono dirette nel suo bocchettone e le sbattacchio fino ad ottenere un qualcosa che sembra un composto omogeneo.  In cucina del resto è come in amore... ci muove conoscenza ma anche istinto, quindi bisogna sapere, toccare e non aver paura di impiastrarsi.
Con delicatezza inizio a unire alle uova il preparato del pan di Spagna, mentre le pale di Ciccio continuano a mescere vorticose e considerato che  inizieranno a fare fatica,  onde evitare di rimanere nel cuore della notte con impasto e robottino da buttare, aggiungo pian piano anche l'acqua a temperatura ambiente (io uso la Sant'Anna). Appena vedo che l'impiastro è diventato un impasto, spegno Ciccio e verso il contenuto in una tortiera (quella con i bordo che si stacca) e metto il tutto nel forno per 45 min c.a., che ovviamente ho già preriscaldato  a 200' . 

Avendo più di 45 minuti da riempire mi sbrigo a lavare Ciccio e a montare la panna (ricordate che per ottenere un buon risultato la panna deve essere essere fatta prima raffreddare). 
Metto le palette a mille e quando la panna è montata (la riconoscete perché fa le ondine ed è piuttosto solida) aggiungo lo zucchero bianco. Non molto per la verità considerato che dopo verrà messa la nutella e la salsa di fragole. 
Una volta montata metto metà della panna in una ciotola per poi farla raffreddare in frigo , all'altra metà, che è rimasta in Ciccio, aggiungo la Nutella. La quantità giusta? Da bianca, la panna montata deve diventare di un bel color brown accesso e se solo vi sembra palliduccio: AGGIUNGETE  NUTELLA!! Non è una torta a risparmio calorico. Arrivata a colorazione corretta metto anche questo composto in frigo.

E' ora di dedicarsi alla salsa di fragole.
 Lavo con cura e un po' di bicarbonato le fragole, che stranamente nel tragitto mano-Ciccio finiscono saltuariamente nella mia bocca.... Per fortuna prima di frullarle tutte, mi ricordo di salvarne 6 per la guarnizione. 
Sposto le fragole da Ciccio ad una padella antiaderente in cui aggiungo un po' d'acqua e due cucchiai di zucchero di canna.  Mescolo e ovviamente assaggio,  non sempre le fragole sono così buone da bastarsi da sole, quindi se trovare la salsa poco dolce, aggiungete zucchero. Ripeto: non siate avari questa è la sagra della caloria. Raggiunto il gusto ottimale per il vostro palato spegnete il fuoco e mettete a raffreddare, perché il tutto andrà mischiato con la panna bianca. Attenzione! Non lo fate con le fragole calde altrimenti si smonta tutto... Come in amore, abbiate pazienza e il risultato sarà piacevole. 

I minuti passano, la notte avanza  e il pan di Spagna è pronto. Lo tolgo dal forno, e porca paletta mi scotto un dito, ma l'attenzione all'una di notte è quella che è... Veloce check: la crema alla  panna- nutella e la panna bianca sono in frigo, la salsa di fragole raffredda nella pentola e il pan di Spagna riposa ancora imbrigliato nella tortiera. Punto la sveglia alle 6, per finire l'opera.  

Drin, drin!!! Ciclope mi alzo con il cuscino ancora stampato sulla faccia e mentre preparo un bel caffè americano tolgo il pan di Spagna dalla tortiera e lo taglio a metà. Unisco le fragole alla panna bianca con l'aggiunta di un cucchiaio di crema panna-Nutella; mescolo e per non sbagliare assaggio golosa con un dito. Perfetta! Spalmo tutto nella prima metà della torta, grattugio dei pezzetti di cioccolata fondente e copro attenta che panna e fragole non sbordino. Prendo la crema panna-Nutella e copro uniformemente tutta la torta. Posiziono le fragole, grattugio altro cioccolato fondente et voilà la torta è pronta. Se come me avete ancora qualcosa da °fare, tipo trucco e parrucco, prima di uscire lasciare la torta in frigo.

Buon appetito e ricordare sono calorie che fanno bene all'umore!!!
Come una pink wish list...

Vedi anche risotto alle fragole



Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…