Passa ai contenuti principali

RISOTTO ALLE FRAGOLE






INGREDIENTI (x 4 persone):

- riso carnaroli (10 pugni)
- prosecco di Valdobbiadene
- 500 gr di fragole fresche 
- burro
- pepe nero 
-olio di oliva 
- sale
-1/2 dado di carne


C'era una volta una bambina che assaggiava tutto ma mangiata poco, veracemente poco, poi un giorno la sua mamma gli preparò fragole con zucchero e limone e lei le mangiò con gusto, ma talmente tanto gusto, che per tutta la stagione il suo musetto fu tinto di rosso.
Da quel giorno le fragole sono il mio frutto preferito ed è per questo che è mia tradizione un menù total berry il mio compleanno. 

Primo piatto? Risotto alle fragole!
Come prima cosa taglio le fragole a pezzettini lasciandone 4 intere per decorare i piatti, e quando ho terminato l'infausto compito divido in due la quantità finale. 
Nel frattempo metto l'olio a scaldare in una pentola padella a bordo alto e quando è a temperatura metto a tostare il riso, mentre lo salo. Il momento è delicato perché se si tosta troppo butto via tutto... Quindi occhio al colore del riso, prima che diventi color caramellò sfumate con un bicchiere di prosecco di Valdobbiadene (io uso quello de La Vigna del Bacio) e aggiungo metà delle fragole. Evaporato il prosecco, di cui un bicchiere fresco è nella mia mano, inizio ad aggiungere l'acqua bollente e metà dado di carne, e come per ogni risotto iniziò a mescolare pazientemente.
Non si mettono tutte le fragole in un botto solo, perché cuocendo è vero che danno gusto ma  allo stesso tempo si appassiscono. Dividendo le fragole avremo un risotto buono e bello. 
Assaggiando di tanto in tanto controllo la cottura e aggiusto il tiro del sale, sebbene sia un risotto dal sapore delicato non deve nemmeno essere dolce, o per lo meno non il mio. 
Quando a palato il risotto è pronto manteco con il burro (un pezzo largo come un mignolo) e alla fine aggiungo le fragole fresche, di cui una parte le tengo da parte per guarnire. 
Manca una bella macinata di pepe nero un bel fragolone tagliato a croce a centro del risotto, qualche pezzetto di fragola, un pistacchio al centro della fragola e abbiamo impiattato. 

Per gli audaci propongo una grattata di cioccolato fondente, un  vero plus per i palati più curiosi.

Buon Appetito!

Se sei un fragolo-ciok adducete assaggia la torta fragole con crema di Nutella
E per un tocco GLAM clicca qui




Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…

DI ONDE, ZENZERO E PISTACCHIO

Si erano conosciuti a causa delle onde. Quelle di lui arrivavano pungenti dai venti del Nord, quelle di lei da quelli caldi e insidiosi del Sud. Entrambi avevano dovuto trattenere il fiato e trovare la forza per non rimanere sul fondo e tirare fuori la testa per respirare ancora.  Nonostante le onde avessero lasciato lividi profondi e ancora dolorosi, nulla impedì a entrambi di continuare ad amarle. Quello fu lo spunto della loro prima conversazione, che però risultò scarna di parole nonostante l’incontro fosse stato organizzato da mercanti di sogni per parlare di commercio, di seta e di conquiste.  Era estate, e si sa, di onde sarebbe stato meglio parlarne con l’arrivo della stagione fredda. Si salutarono con la promessa di vedersi al ritorno dei loro viaggi. 
Un giorno qualsiasi, ad un’ora qualsiasi di un pomeriggio di caldo arrivò un messaggio che parlava di punk. Asia, il cui nome era stato scelto da una madre che aveva sognato di perdersi tra le spezie e la meditazione, rimase sorpre…