Passa ai contenuti principali

MALIKA AYANE A GIOIA: SE HAI UNA VITA, GIOCATELA DA BIONDA E AL FESTIVAL NON PUNTATE SU DI ME

Malika Ayane conferma, attraverso le sue dichiarazioni al settimanale Gioia, che essere bionde è un moto dello spirito e una modus vivendi, sempre.

Da mora a Bionda spiega nell’intervista di Paola Maraone il suo “colpo di testa”:«Non so, forse da una bionda ci si aspetta meno». Non è uno stereotipo? «In parte, ma non mi dispiace. Essere bionda è deresponsabilizzante. Una volta un amico mi ha detto: «Se hai una vita sola, giocatela da bionda. Che non vuol dire, poi, non fare le cose. Da bionda ho preso in mano dall’inizio alla fine le redini del mio ultimo album, anche come produttrice. Scrivo in modo più rilassato, riesco ad andare al Festival senza stress, ad affrontare un servizio fotografico senza crisi isteriche. In effetti non ci sta che una bionda sia musona o depressa, dunque sono obbligata a sorridere di più rispetto a prima».



Al Festival di Sanremo 2013 la danno come preferita, forse è questo a rilassarla davvero: «L’hanno fatto anche nel 2009 e nel 2010! Ma siccome non ho mai vinto, sconsiglio a chiunque di scommettere su di me».


 Ma noi le auguriamo un grande IN BOCCA AL LUPO BIONDA!

Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…