Passa ai contenuti principali

EICMA 2013: I MOTOCICLISTI SONO CAMBIATI

Le linee guida sono poche, semplici e chiare ma avvolte da un alone di mistero. L'invito per la presentazione della nuova campagna pubblicitaria di EICMA 2013 recita:

"EICMA è lieta di festeggiare con voi
l'avvento dei nuovi motociclisti
CI  DIVERTIREMO ABBIATE FEDE"

Cosa  hanno in comune la fede con le due ruote? Per scoprirlo è necessario presentarsi  lunedì 18 febbraio ore 19.30 allo Spazio San Paolo Converso. Dress code un casco. 

Entrando, la prima cosa che colpisce è l'imponente telo purpureo che cela la nuova campagna pubblicitaria, protagonista al centro dell'altare. Il tempo di pochi convenevoli e la carismatica Giulia Marrone, Responsabile Relazioni Esterne Confindustria ANCMA ed EICMA, fa gli onori di casa introducendo il Direttore Generale Pier Francesco Caliari, che è anche la chiave di volta della nostra curiosità. Come promesso un discorso breve, fatto di passione, emozione e prospettiva. L'attesa però continua nelle parole di Mario Attalla, Ad e Ceo di Grey Italia, l'agenzia creativa che da tre anni segue la manifestazione e a cui è stata richiesta una "campagna della madonna".
La tensione sale, finalmente il telo scivola a terra e lo sguardo non può che rimanere fisso su una magnifica Madonna con Bambino. Non convenzionale, non banale assolutamente in puro stile EICMA è la nuova campagna pubblicitaria della 71° edizione dell’Esposizione Internazionale del Motociclo. Racconta una storia moderna, che pone l'attenzione sul mercato femminile come comparto integrante del mondo a due ruote. Nella mia testa vedo l'audacia e determinazione di Beatrix Kiddo volta a proteggere il futuro della mobilità simboleggiato dal paffuto bambino. E per una volta a rappresentarci una donna vestita, addirittura in abito da sera, senza seni o glutei scoperti. Una vera rivoluzione, che allontana dall'associazione moto-bellona. Sicurezza, Responsabilità, Mobilità, Passione, Creatività, Visione e Infrastrutture le 7 virtù delle moto che i Direttori Creativi Associati, Francesco Fallisi e Simona Angioni, sono riusciti a raccontare e sintetizzare con accattivante semplicità. 

Gli applausi dichiarano il successo, e dal movimento delle dita dita sugli smartphone è facile intuire che in pochi attimi il messaggio che ha iniziato a rimbalzare da un capo all'altro dell'Italia per raggiungere anche ci non è potuto intervenire è univoco: 

I MOTOCICLISTI SONO CAMBIATI


EICMA 2013
7-10 NOVEMBRE 2013
(5-6 DEDICATI A  STAMPA E OPERATORI)
www.eicma.it



San Paolo Converso

Gli Apostoli
Alberto Soiatti
Alberto Cecotti

Il destriero BMW K75 by Alvus





Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…

DI ONDE, ZENZERO E PISTACCHIO

Si erano conosciuti a causa delle onde. Quelle di lui arrivavano pungenti dai venti del Nord, quelle di lei da quelli caldi e insidiosi del Sud. Entrambi avevano dovuto trattenere il fiato e trovare la forza per non rimanere sul fondo e tirare fuori la testa per respirare ancora.  Nonostante le onde avessero lasciato lividi profondi e ancora dolorosi, nulla impedì a entrambi di continuare ad amarle. Quello fu lo spunto della loro prima conversazione, che però risultò scarna di parole nonostante l’incontro fosse stato organizzato da mercanti di sogni per parlare di commercio, di seta e di conquiste.  Era estate, e si sa, di onde sarebbe stato meglio parlarne con l’arrivo della stagione fredda. Si salutarono con la promessa di vedersi al ritorno dei loro viaggi. 
Un giorno qualsiasi, ad un’ora qualsiasi di un pomeriggio di caldo arrivò un messaggio che parlava di punk. Asia, il cui nome era stato scelto da una madre che aveva sognato di perdersi tra le spezie e la meditazione, rimase sorpre…