Passa ai contenuti principali

ASSENZA GIUSTIFICATA! AVVENTIURE DI DUE BIONDE

12 gennaio 2015 ultimo post, poi il nulla. Non una parola, non una foto , né la comunicazione di chiusura. Niente. Una fuga dalla rete? Un’improvvisa redenzione da condivisione? Nulla di tutto ciò. Solo un improvviso cambio di vita. Un sì, che vale per tutta la vita, o per lo meno fino al 2060 (rinnovabile).
Tutta la storia comincia una sera di metà inverno al Bar Basso, che per onor di cronaca è il luogo di culto dove nacque “Lo Sbagliato”. 

Il Sì
Era da un po’ che ci penavo, ma non avevo mai trovato il coraggio, il coraggio del grande salto. Quella forza di dire "cambio vita, mi impegno in una relazione seria e duratura". Alla fine vivevo, anche se un po’ stretta, in un mondo ovattato, sicuro, non sempre ideale ma comunque stabile. Perché cambiare? Perché impegnarsi? Come perché? Perché finalmente era arrivata la persona giusta. Il coraggio nel fondo dell’aperitivo color rubino. Una domanda a testa: “Vuoi essere libera?”, “Vuoi essere impegnata?”. La risposta unica: “Sì!”. Ecco le nostra vite intraprendere un percorso comune. Giulia e Alessia  due straniere  scelgo uno dei templi sacri della “Milano da bere" per dar vita alla MARRONECATTELAN, Società  per la comunicazione.

Un impegno importante, duraturo. Un vero e proprio matrimonio, la decisione di affidarci l’una all’altra, nella buona e nella cattiva sorte. 

In meno di un mese, velocizzato dalla pausa natalizia, ci siamo trovate a dover siglare la nostra scelta. 
La Firma
Come in ogni occasione importante c’è stata l’ansia da “sera prima il grande passo”. Un po’ di timidezza e la domanda reciproca: “Tu cosa ti metti?”. 

Immaginate l’ovvia risata. Ed è nel segno del sorriso che abbiamo iniziato questo cammino. Abbiamo scelto come simbolo il FILO D’ERBA: Tenero e flessibile, il filo d’erba è tenace e resiste a ogni tempesta. 


Come nella migliore delle storie ci siamo regalate anche una fuga a Venezia, quando nessuno ancora sapeva... Un notte magica protagoniste de Il Ballo del Doge, creato e prodotto da Antonia Sautter.


                


 Bello fin d’ora non essere mai stanca di stare con la mia Socia.

Ma decidere di aprire una società probabilmente non sembrava abbastanza alla mia testolina bionda, così presa da iperattività mi sono decisa a pubblicare il mio libro #ceraunavolta Favole di Eros e Ironia




Decisa a essere “libera” ho deciso di autopubblicarmi su Amazon, non per mancanza di un editore tradizionale ma per non dover avere legami lunghi se non con la mia socia. Non avevo calcolato che un libro anche quando sembra finito non lo è. Chili di correzioni e chilometri di riletture. Correggerlo è stato più difficile che scriverlo. Però con l’aiuto di amici fidati siamo andati online. Non nascondo il timore del giudizio, dell’associazione personaggio-autore. Alla fine ho pensato: “Anche fosse? Scrivo di sesso, non uccido o faccio male a nessuno. Anzi… Male che vada la fantasia avrà superato di gran lunga la realtà”. 
E se una società e un libro vi sembrano un bell’impegno, non abbiamo calcolato che ho voluto la ciliegina sulla torta: che motociclista ero senza moto? E’ iniziata così anche la spasmodica ricerca della MIA due ruote. 
Milioni di inserzioni, ma mai quella giusta. Un falso allarme e poi lei: MOTO GUZZI V75 dell’88. 

Una sera in compagnia dell’amico Stefano Narra andiamo a vederla. Si alza la claire del garage ed è Amore. Trattengo l’entusiasmo e lascio che il mio accompagnatore faccia tutte le valutazioni tecniche del caso. Si sa, noi bionde quando perdiamo la testa sappiamo passare sopra anche ai difetti, vederli quasi come pregi.
Qualche giorno di contrattazione e poi un nuovo importante sì! Felix e La Bionda la nuova coppia on the road.
FELIX



Il battesimo perfetto: 9 maggio 2015. Prima edizione di The Reunion, Circuito Nazionale di Monza. Arrivata la mattina stessa. In un unico posto avevo: Amore, Passione, Amicizia e Lavoro. Una grande giornata voluta dal nostro esimio Presidente Matteo Adreani che ci ha chiesto di far parte della squadra, di credere in questo meraviglioso progetto che ha visto la sua realizzazione in un mese e mezzo. 


La soddisfazione più grande? Vedere che non siamo stati gli unici a crederci…

La Socia, The President Matteo Adreani, Io



The Reunion Team


Insomma in questi mesi, un po’ di cose sono accadute e molte altre vedranno la luce. Ora però è ora di tornare a scrivere… 




Blondemind is back!

Commenti

  1. Una manager, scrittrice, motociclista. Bionda.

    Ho più di 300 mila km di avventure in moto. Ma una Bionda (manager e scrittrice) su una Guzzi del '88 (splendida!) davvero non si è mai vista :-)

    In bocca al lupo per tutte le tue nuove avventure!

    Molto lieto di questa scoperta. Vado a sbirciare un po' in giro nel blog....

    Ciao
    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Piacere di conoscerti.
      Prima di tutto Crepi!

      Ho iniziati a leggere il tuo blog! Mi piace!

      Perché più di 300 mila km in moto?

      baci
      @.

      Elimina
    2. Nel senso che tra un viaggio e un altro ho sulle spalle (sui glutei più che altro :-) più di 300 mila km in moto...

      Anche il tuo di blog mi piace; scrivi molto bene, sembra di stare seduti al bar tra amici a parlare di moto... :-)

      Elimina
  2. Grazie! Adoro stare al bar a parlare!
    Quale moto?il viaggio che mi racconteresti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una fz1 per le scorrazzate e una v-strom comoda per viaggiare.
      Il viaggio che ti racconterei... Ce ne sarebbero tante, ma forse una storia di un viaggio in Germania....Beh è una storia lunga... Invernale... una storia di quelle che...
      Te la racconterò prima o poi, magari davanti a un bello sbagliato! (virtuale, s'intende ;-)

      Sono curioso di leggere il libro.
      Hai avuto una buona dose di coraggio a lanciarti. Sei davvero tosta! Complimenti. Davvero.

      A presto.
      L.


      Elimina
    2. uno Sbagliato è sempre al posto giusto.
      Aspetto tuo giudizio sul libro :-)

      Coraggio? No, biondi-attitude

      a presto.

      .




      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…