Passa ai contenuti principali

MENU' BIONDO PER MOTOCICLISTI DIRETTAMENTE DA LA MASCA IN CUCINA


Le cose non capitano mai per caso, come le Bionde...
A una cena in cui, almeno apparentemente, le moto non erano contemplate nemmeno da lontano incontro Silvia Leoncini, bionda food blogger ideatrice de
LA MASCA IN CUCINA.

Tra una degustazione e l'altra, scopro che l'esplosiva blogger è anche una ferrata motociclista... quale occasione più ghiotta per chieder di realizzare per noi un menù biondo da motociclista! Nessuna e così... carta bianca... a questa bionda tutto pepe che si racconta così: "Sono Silvia, food blogger (e visto che uso il forno a legna anche wood blogger), guida turistica, giornalista, insegnante, scrittrice, sciatrice, viaggiatrice piu’ di una valigia (occhio, non ridete; ho una mira da paura, e tiro con l’arco e con la 22)".

Quindi vi consiglio di leggere tutto fino in fondo. La nostra storia comincia così:
 
"Biondì anche se piove, perchè per chi è biondo – dentro e fuori- splende sempre il sole di ferragosto! Sono bionda e sono motociclista. E praticamente potrei chiudere qui, perche’ ho gia’ detto tutto.

Ma tre e’ numero perfetto, e quindi ci aggiungo anche che sono una food blogger.
Sappiate che la blogger motociclista bionda non è monomarcia, e non parla solo di torte alla Nutella e delle altre banalità “facili e veloci” che affollano la rete.
Parte ad andatura sostenuta con le sue invenzioni in cucina, ma prima che tu ti annoi scala e ti racconta di prodotti tipici locali, poi accelera a mille e ti porta in visita a una Stagionatura o a un mercatino.
Tieniti forte, perchè esce d’improvviso e sorpassa tutti alla grande, presentandoti in tavola una lasagna da paura e un arrosto che i morti non li fa risuscitare solo perche’ non permette a nessuno di morire.
E poi, senza preavviso, frena di colpo e ti fa scendere davanti al forno a legna, perche’ ha capito che a volte lo slow living vince, nella frenesia di quella pista trafficata che e’ la vita.
La bionda in moto ha visto cose che voi umani… dai camionisti che suonano per un ciuffetto giallo che esce dal casco, ignari dell’eta’ di chi si nasconde li’ sotto, al clima umido che fa arricciare i capelli: chi ci guadagna in ogni caso e’ il suo hair stylist di fiducia.
Io poi, che ho da sempre la Masca in Cucina, cioe’ una piccola strega delle montagne che si e’ stabilita qui e mi fa i dispetti, sono una food blogger bionda che combatte sempre, e non molla mai, in moto e nella vita: mulini a vento, streghe, finti amici, montagne enormi di piatti per le tavolate con quelli veri e tappi della salsa che non si aprono sono il mio pane quotidiano.
Del resto, quante vite ho a disposizione?
Al massimo 7 come i gatti, e per tutto cio’ che voglio fare sono anche poche: quindi mi porto avanti col lavoro, concentrando piu’ attivita’ che posso nella prima, perche’ non si sa mai.
Percio’, se mi vedete circolare in moto col giaccone e i pantaloncini di jeans, fatevene una ragione: non sono giovane, non sono bella, non sono saggia (perche’ in moto si va coperti bla bla bla e ancora bla), ma sono bionda e quindi lo faccio perche’ mi piace. Punto.
Ora: mi hanno chiesto di preparare un menu biondo per voi, ma attenzione:
questo menu è biondo si’, ma non diafano, per favore. E' stato pensato per noi motociclisti!
Il motociclista quando arriva ha fame, e non gli puoi metter davanti la pastina al burro: potrebbe morderti.
Quindi, tenetevi forte e leggete qui: http://lamascaincucina.it/?p=11012
Per il resto… mi hanno chiesto di esagerare, scrivendo questo articolo, e secondo voi potevo tirarmi indietro?"


Un'esplosione di gusti e biondità... Silvia come ci raccontava ha anche un altro blog, e anche se un pò moro vi consiglio di darci un'occhiata! Come Audrey.

Perchè noi Biondi dentro e fuori accogliamo tutti... o quasi.

Ora tutti ai fornelli!!!!!SILVIA E IO ASPETTIAMO LE FOTO, O UN INVITO.


Blondie






 

Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…