Passa ai contenuti principali

RISOTTO SALMONE & ASPARAGI PROFUMATO ALL'ARANCIA E ANICE




INGREDIENTI x 4:

- riso carnaroli (2 pugni per ogni commensale + 2 per la pentola)
- 2 trancetti di salmone fresco
- 1 mazzetto di asparagi ( media grandezza)
- 2/3 arance di Sicilia
- anice secco
- vino bianco
- dado di pesce



È domenica e mi rendo conto che non ho pensato a cosa cucinare, e sopratutto se ho qualcosa in dispensa...La fame batte e le idee vacillano. Check della cucina. Abbiamo: salmone e asparagi freschi e attenzione... con la coda dell'occhio vedo che ho anche delle meravigliose arance di Sicilia. Sfido la sorte e improvviso. 

Prendo gli asparagi e ne taglio via punte, nel frattempo scotto con un filo d'acqua (il q.b. per non rovinare la pentola in ceramica) i tranci di salmone per togliere agevolmente la pelle. Evitate l'olio, considerato che il salmone è già abbastanza grasso e ne butta fuori durante la cottura.

Spino e taglio a cubetti il salmone e scotto le punte di asparagi con un filo d'olio, il succo di 1 arancia e una spruzzata di vino bianco. Quando il salmone è cotto e gli asparagi morbidi, salo (a piacimento) e aggiungo delicatamente l'anice. Mi raccomando non eccedete, poiché è vero che aiuta a sgrassare il gusto del salmone, ma è anche un sapore molto forte, che può non piacere a tutti. A cottura terminata, metto a riposare.

Per il risotto seguo le regole base. Preparo anticipatamente il brodino di pesce con il dado di pesce e metto a scaldare l'olio e a temperatura aggiungo il riso, salo e quando è tostato lo sfumo con il succo dell'altra arancia e con vino bianco. Quando il tutto evapora, aggiungo il brodo, abbasso la fiamma e pian piano rimpinguo quando si consuma sino ad arrivare quasi alla cottura ottimale.
In questo momento, e solo in questo momento, unisco il preparato di salmone e asparagi. Mescolo, assaggio e aggiungo una noce di burro per mantecare.

Ora non manca che impiattare: scelgo come di consuetudine un piatto piano, posiziono al centro il risotto e guarnisco con dei pezzetti di salmone e asparagi accarezzati da filetti di buccia d'arancia (perché non si butta mai via niente), fotografo e servo.

RICORDA: il risotto ha bisogno di pazienza e amore, quindi quando di prepara bisogna continuare a girarlo in modo che non attacchi.

Buon appetito!











Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

SARÒ MAMMA!

Sarò mamma o forse no. Ultimamente me lo chiedo spesso, ma non perché sia scattato l'orologio biologico o sia successo qualcosa che non mi aspettavo.  Appassionata di sociologia mi guardo intorno e vedo una spaccatura delle trentenni di mezzo corso. Abbiamo le single dopo decenni, le neo separate, le fidanzate da una vita e le spose perfette. Tra queste dobbiamo ancora dividere tra chi ha o non ha prole. Premetto che non vuole essere una critica, né tanto meno una presa di posizione, solo il punto di vista di chi, come me non ha ancora procreato a questa età.
Quando hai trentasei anni e non hai figli ti trovi a essere la rappresentante di una categoria ben precisa: futura puerpera attempata (dando per scontato che prima o poi ti farai fecondare). Errato. Alle volte non filiare è una scelta, libera. Capita, lo dico per esperienza, di trovarti al supermercato e di essere l'involontaria protagonista delle critiche della signora dei salumi: "Mio figlio ha quasi 18 anni e io sono an…

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…