Passa ai contenuti principali

MONELLA PER UN GIORNO - #GHOSTNUMEROUNO


Qualche mese fa mi chiama l'amico Giorgio Racca per parlarmi della sua nuova impresa: realizzare la prima edizione cartacea di Ghost. Il  progetto è entusiasmante, dice,  parlerà in primis dell'argomento che ha accumulato tante delle nostre chiacchiere: le due ruote. Ma lui è un uomo intelligente e sa che i grandi amori crescono solo se conditi da ingredienti importanti come  il cibo, l’arte, la fotografia e le persone. A maggio era già uscito  #ghostnumerozero come anteprima del concept editoriale firmato da Cibele Edizioni. Un serial book, da pubblicare due volte l’anno che racconta storie di donne, di uomini e di passioni attraverso la fotografia.


Giorgio, il Ghost che porta il numero di serie 01, vuole raccontare anche storie di donne,   in particolare delle motocicliste. Quattro per l'esattezza. Quattro sfumature. Quattro esperienze. Un unico credo, la motocicletta, un unico sguardo quello di Lucrezia Simmons
Tiziana, Kelly, Daniela e Alessia.

Alessia la conosco. Ecco la "proposta indecente", far parte del dream team. Parlare del mio amore per Felix, Moto Guzzi V75 , di sicuro non sarà un problema, quello di posare un po' di più. 
Lucrezia mi chiama per accordarci, posso sceglier la location. Nessun dubbio, una e una sola, la mia wonderland: Start and Speed .

L'appuntamento è per un sabato mattina di fine settembre. E' noto ai più che quando uno deve fare delle foto ha bisogno di riposo, ore di sonno come non ci fosse un domani. Ecco perché sono andata a letto presto a base di dieta liquida. Le 02.00 after party mi pare un ottimo compromesso.

Scendo in garage e ovviamente la bellona fa i capricci come le star. Parte, ma il motore ha deciso di funzionare per metà. Urge un check da Ercole prima di inforcare l'autostrada. E io che volevo un caffè al bar. 
Al solito era la candela. Finalmente sono per strada, destinazione Dalmine.
Ci siamo. Oggi si scatta qui per due ragioni fondsamentali:

Luz & me
- volevo che Lucrezia conoscesse un luogo suggestivo perché non si fanno moto, ma si fa magia. Il posto dove mi rifugio e in cui Luca Luzzardi esaudisce desideri, concretizza sogni, regala emozioni.

- Luz stesso. Che è una delle due ragioni per cui sono tornata in sella. Ricordo ancora la prima volta che ci siamo visti: idroscalo in occasione della Riding Season. 
Abbiamo scambiato due parole, due. Lui un uomo barbuto, silente e con due grandi polisiere in pelle cosa mai avrebbe avuto da condividere con una Bionda con una bionda in mano? A detta di Tarantino, molto. E in effetti, siamo ancora qui a parlare di tutto e di niente, se non di sogni e magia. 

Tolgo il casco e mi presento. Lucrezia è una donna minuta dal grande sorriso. La stretta di mano è decisa e i suoi occhi mi dicono che non mi sono sbagliata. Siamo nel posto giusto,con le persone giuste. Attorno a noi solo opere d'arte. 
Due chiacchiere per sciogliere il ghiaccio, una sigaretta per allentare la tensione e cominciamo.
Difficile, molto difficile. Un baccalà sarebbe più espressivo. 
La donna dietro
l'obiettivo e il suo assistente capiscono il disagio e tentano con la psicologia. Mi fanno parlare: "Cos'è per te la moto come la vivi?".
Questo è semplice: "La moto è una compagna e non amo viverla da Uoma. E' divertimento, è gioco, è sensualità. Non è una sfida tra Marte e Venere, ma la passione che unisce i due mondi. Alla pari.". 
"E allora gioca!" mi risponde. Mi ha letta in 15 minuti. Ha capito. Puntiamo sulla monella che c'è in me. Sulle smorfie, sull'allegria.

Ha fatto tutto lei e la sua tranquillità. E' stato meno difficile del previsto.Ma si sa la curiosità e la vanità sono donna sopratutto quando sai che alle foto non verranno applicati filtri... Chiedo un'anteprima. Penso: "Lucrezia. Grazie!"

Eccoci a tenere nascosti gli scatti, ad aspettare l'uscita di Ghost Book Numero Uno per vedere il risultato. 22 febbraio. Arriva una delle 300 copie numerate a mano. Ed è emozione. 

Ben arrivato Ghost e come si dice in questi casi... Read it! 
Per conoscere il progetto o ascquistare una copia www.ghostbook.it

Ph. Lucrezia Simmons. (Grazie!)




GHOST BOOK NUMERO UNO
GHOST BOOK NUMERO UNO



















Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…

DI ONDE, ZENZERO E PISTACCHIO

Si erano conosciuti a causa delle onde. Quelle di lui arrivavano pungenti dai venti del Nord, quelle di lei da quelli caldi e insidiosi del Sud. Entrambi avevano dovuto trattenere il fiato e trovare la forza per non rimanere sul fondo e tirare fuori la testa per respirare ancora.  Nonostante le onde avessero lasciato lividi profondi e ancora dolorosi, nulla impedì a entrambi di continuare ad amarle. Quello fu lo spunto della loro prima conversazione, che però risultò scarna di parole nonostante l’incontro fosse stato organizzato da mercanti di sogni per parlare di commercio, di seta e di conquiste.  Era estate, e si sa, di onde sarebbe stato meglio parlarne con l’arrivo della stagione fredda. Si salutarono con la promessa di vedersi al ritorno dei loro viaggi. 
Un giorno qualsiasi, ad un’ora qualsiasi di un pomeriggio di caldo arrivò un messaggio che parlava di punk. Asia, il cui nome era stato scelto da una madre che aveva sognato di perdersi tra le spezie e la meditazione, rimase sorpre…