Passa ai contenuti principali

FACCE DA EICMA - UNA SETTIMANA INDIMENTICABILE

EICMA 2014 - 100 ANNI DI PASSIONE
E ci siamo... anche quest'anno EICMA è finita. Anche quest'anno ho lo stesso senso di vuoto che mi prende lo stomaco. Ricordate la sensazione di quando finiva la gita scolastica o il campo estivo?. Ecco quella. Quella felicità mista a malinconia, perchè vivi ancora delle emozioni che ti hanno percorso vorticose per una settimana (che hai tanto atteso), di quella magia che solo una fiera fatta della TUA passione sa darti. Vivi ancora della felicità di aver ritrovato vecchi amici,  aver conosciuto nuovi "amanti" e perchè come capita a Las Vegas qualcosa di non raccontabile accade, ma rimane a EICMA. Tutto è possibile durante questa settimana. Ora però quella stretta alla pancia è perchè si dovrà aspettare un altro anno prima di tornare 'nel paese dei balocchi'.
Un grazie speciale va all'EICMA FAMILY che ha tanto lavorato per regalarci questa meravigliosa settimana e che ha permesso che in questi anni non fosse solo fiera ma fuori salone, dando vita a una settimana TOTALMENTE dedicata alla moto.

Ho pensato a lungo a cosa scrivere, o cosa postare e credo che l'unica cosa siano le facce da EICMA che ho incontrato perchè delle moto, quelle potete leggerle nelle pagine di chi ha più competenza di me, di chi sa il mestiere. Io vorrei cercare di raccontarvi EICMA 2014 attraverso quei volti e flash visivi che per me hanno fatto la differenza, che si sono indelebilmente stampati nella mente e nel cuore. Fuori Salobe incluso: dal vernissage del centanario, alla mitica festa Triumph alle Fonderie, passando per l'ape di Biondo Endurance e Riders per avere un epocale quanto atteso venerdi dal Giamba e il suo Motosplash dove Yamaha ha fatto il suo con Yamaha Yard Build Party...

Aspettando (con ansia) EICMA 2015...


Blondie

Ps se qualcuno vuole far parte di questo post... mi mandi una foto. La passione può solo crescere!

Guarda la Gallery



                                        
Pier Francesco Caliari DG Confindustria ANCMA ed EICMA

Giulia Marrone Responsabile Relazioni Esterne e Ufficio stampa, EICMA - Confindustria ANCMA

EICMA REDAZIONE ONLINE


PDF




                                          




Massimiliano Sciuccati alias A Modino

Matteo Andreani

Mark Havva_ Msssimiliano Sciucatti_Sara Fiandri_Alessia Novelli_Gianpalolo Pastro_Scuderia Canarino_Bachi
Ferdinando Restelli Direttote In Sella
                           

Cristian Badelli Due Ruote


RINGO & Virgin Track





Sergio Monteverdi_Montecatena


La strana coppi: Alessandro De Simone_Nadia Afragola


Yamaha Yard Build Party _ Motosplash_ Mattia Airoldi_Me



Lorenzo Buratti_lorenzoburatti.com




Emiliano Balsano_ Garage-italiano.blogspot.com
 
Flavio Carato + Davide Fugnani =aMotomio.it
Rodolfo Giulietti
Motosplah- Il venerdì del Fuori Eicma
                              
Ciko
beccata sotto la gonnella di una Signora

Cristina Pertile_ Moto.it

La mia gamba & una Bionda...succede anche questo


LA PASSIONE CHE CRESCE












E QUINDI



Commenti

Post popolari in questo blog

W le DONNE, NON TUTTE PERÒ

Auguri, ma NON a tutte le donne
Il mio augurio è per quelle Donne che amano le donne, per davvero. Per tutte quelle che non fanno dietrologie, che si aiutano e fanno squadra, perché diciamolo, possiamo essere le peggiori nemiche di noi stesse e del nostro genere. Combattiamo le donne che si fanno promotrici dell’orgoglio femminile e poi sono le prime a fomentare i luoghi comuni.
Alle Donne non devi dire “NON ESSERE INVIDIOSA”, ne conoscono il significato e lo aberrano.
Donna AMA la Donna nella sua Bellezza, nella sua diversità. LOTTA contro chi vuole mortificare la tua femminilità: il nostro corpo non è un peccato mortale, lo è pensare che per essere al pari di un uomo si debba assomigliargli nei modi e nell’aspetto. Io dico: “No, grazie”. 
Rivendico la mia diversità e quella di amare la loro.  Rivendico il diritto di essere fragile, di piangere davanti a un film romantico, di non temere la cavalleria e non aver paura che qualcuno la usi.  Rivendico

JE SUIS FRIDA KAHLO, MA NON AMO COME TE

Cara Frida,
sì, sei andata oltre il mito svestendoti di quell’aura di superiorità per diventare umana. Fai meno paura, sei arrivabile, comprensibile, tangibile, fragile. Eri mito, ora (per me) sei donna. Come me. Credo saremmo diventate amiche, sai?. Forse esagero. Non credo, no. Assomigli molto alle mie amiche e donne che stimo,  quelle che vengono definite “donne con le palle”. Sono donne energiche, spavalde, forti. Hai presente quelle che ci sono sempre, che risolvo problemi e che sembra possano portare sulle loro spalle tutto il  peso del mondo senza aver bisogno di un sostegno. Ne hanno invece , per sopportare  quelli altrui e anche, dopo, i loro. Sono quelle donne che inseguono i loro sogni, i loro ideali con la grinta degli adolescenti, che si scaldano per un torto e che non si pentono mai di quello che hanno fatto, perchè, le ha portate a essere quello che sono.  Lamentano, in silenzio, di non poter mai essere “deboli”, perchè gli altri pensano “tanto lei ce la fa da sola”. Lo confess…

DI ONDE, ZENZERO E PISTACCHIO

Si erano conosciuti a causa delle onde. Quelle di lui arrivavano pungenti dai venti del Nord, quelle di lei da quelli caldi e insidiosi del Sud. Entrambi avevano dovuto trattenere il fiato e trovare la forza per non rimanere sul fondo e tirare fuori la testa per respirare ancora.  Nonostante le onde avessero lasciato lividi profondi e ancora dolorosi, nulla impedì a entrambi di continuare ad amarle. Quello fu lo spunto della loro prima conversazione, che però risultò scarna di parole nonostante l’incontro fosse stato organizzato da mercanti di sogni per parlare di commercio, di seta e di conquiste.  Era estate, e si sa, di onde sarebbe stato meglio parlarne con l’arrivo della stagione fredda. Si salutarono con la promessa di vedersi al ritorno dei loro viaggi. 
Un giorno qualsiasi, ad un’ora qualsiasi di un pomeriggio di caldo arrivò un messaggio che parlava di punk. Asia, il cui nome era stato scelto da una madre che aveva sognato di perdersi tra le spezie e la meditazione, rimase sorpre…